In vista delle elezioni: noi con i dubbi

Mattarella ha sciolto le camere 3 giorni fa, dunque è partita ufficialmente la corsa alle elezioni che probabilmente si terranno il 4 Marzo. Ma devo essere sincero: le ultime 2 settimane sono state piene di dubbi (e di rabbia) per le scelte fatte dalla dirigenza di Direzione Italia. Molti dei miei “follower” noti e occulti avranno sicuramente notato l’hashtag #IdiDiMarzo, con cui ho pubblicato alcuni post un po’ criptici su Facebook. Ho dovuto fare così, poiché non era ancora chiaro cosa stava accadendo e per certi versi non lo è neanche ora. Ma oggi è il 31 dicembre 2017, è fine anno e credo sia il momento di fare il punto, almeno parziale, di quanto è successo.

Noi con l’Italia

Noi con l'ItaliaQuello che vedete qui accanto è il logo, non di una lista unitaria, non di una federazione di partiti e movimenti, bensì di un nuovo partito. Qualcuno subito si chiederà: ma il partito tuo e di Fitto non si chiamava già Direzione Italia ed aveva un altro logo? Esatto. Lunedì 18 dicembre 2017 si è riunito a Roma il Consiglio Nazionale del partito, il quale ha delegato amplissimi poteri al presidente, ovvero Raffaele Fitto per mettere insieme una nuova forza politica in grado di schierarsi a fianco dei 3 partiti principali del Centrodestra e concorrere al superamento dello sbarramento del 3% imposto dalla legge elettorale. Fin qui tutto previsto: da tempo si sapeva della necessità di trovare dei partner per andare insieme alle elezioni e superare la soglia. Non è una questione di poltrone, o meglio, non solo di quelle: avere un gruppo in parlamento permette di condurre battaglie che altrimenti sarebbero più difficilmente sostenibili da fuori, permette di votare leggi e decreti, essere determinanti, talvolta, nella risoluzione di controversie parlamentari, per non parlare della possibilità di depositare disegni di legge.
Personalmente sono del parere che la genuinità del progetto di Direzione Italia fosse sufficiente a rischiare da soli, seppur in coalizione, la corsa elettorale. Anche non arrivando in parlamento, il giro sarebbe comunque servito ad espandere la nostra rete territoriale, a far conoscere idee e progetti, a cominciare a riportare al voto quella grossa fetta di elettorato liberale che ormai da troppo tempo giace nel non voto e che ovviamente non si riconosce nei 5 stelle. Ma è anche vero che sono nuovo alla politica e posso capire che chi sta più in alto di me abbia idee diverse e pensi che sia più giusto il tipo di approccio che è stato scelto. Se poi la scelta è fatta da chi fino ad ora ha guidato la barca con coraggio e coerenza, allora posso fidarmi. Ma la fiducia ovviamente non è eterna e illimitata e non esenta in nessun caso dal diritto di critica. Dunque ecco il punto: c’è modo e modo di andare insieme ad altri alle elezioni e a mio modesto parere è stato scelto quello sbagliato. A maggior ragione visti i personaggi che accompagneranno Fitto in questa gara.

Continua a leggere

Idee in Pillole – volume 2

Nuovo mese, tante altre idee in pillole! E’ tempo di fare un riepilogo di quanto accaduto questo mese!

Molestie ad Hollywood e non solo

Avrete sicuramente notato che ultimamente c’è un esplosione micidiale di accuse di molestie sessuali. Prima #Hollywood, ora l’Inghilterra, accuse su accuse, anche a decenni di distanza.

Kevin Spacey

Kevin Spacey

Trovo che ci sia qualcosa di perverso in tutto questo: gente come #KevinSpacey viene denigrata e scaricata dal mondo del cinema e dalla TV Americana a causa di un tweet di un attore di secondo piano che fino ad oggi non aveva mai detto nulla sull’argomento. Fermo restando poi che dal racconto dell’attore stesso sembrerebbe che queste “molestie” siano in realtà dei tentativi di approccio un po insistenti e nulla più…
Questo poi pone un altra domanda: quanto si è abbassato il limite delle molestie sessuali? Se provo a chiaccherare con una ragazza alla fermata dell’autobus o in stazione e magari insisto un po per farmi lasciare il suo numero, sto molestando??? Può sembrare una stupidaggine ma ormai siamo a questi livelli e potrebbe capitare a chiunque…
Avevo poi scritto sul caso #Weinstein che prima di giudicare il soggetto occorre che la giustizia Americana (che per fortuna non è quella italiana!!!), faccia il suo corso e verifichi tutte le accuse. Ho motivo di credere che in molti casi si tratti di accuse false, infondate o anche esagerate, anche se vista la mole potrebbe anche esserci del vero. In ogni caso il condizionale è d’obbligo, l’individuo è colpevole solo alla fine dell’iter giudiziario e solo oltre ogni ragionevole dubbio.
Dovrebbero invece farsi un bell’esame di coscienza tutte le attrici che per decenni non hanno detto niente sull’argomento perché anche se c’è del vero, dovevano venire fuori prima tutti questi episodi. Troppo comodo farsi avanti adesso, quando ormai molti altri lo hanno fatto!
Continua a leggere

ISIS a Manchester

Difficile trovare altre parole per quello che è successo a #Manchester. Il fatto stesso che siano stati volontariamente colpiti dei bambini, dei teenagers, è aberrante.

Fiori per le vittime a Manchester.

Fiori per le vittime a Manchester.

Quello che mi sento di dire è che abbiamo difronte qualcosa che si può riassumere semplicemente così: il male assoluto. Non so davvero più come descrivere il fenomeno integralista islamico. L’ISIS è solo una delle facce, non ci dimentichiamo di Al Qaeda, Boko Haram, Al Shabab, Al Nusra e altre sigle minori che dimentico.
E il male deve essere sconfitto, completamente, sotto tutti i punti di vista: politico, economico e militare. Fiori, fiaccole, gessetti, sono gesti che contribuiscono ad alleviare il dolore, a sentirci più vicini, a sopportare meglio la perdita di tanti di noi, ma subito dopo dobbiamo essere coscienti che purtroppo siamo in una fase della storia dove è di nuovo necessario avere la mano ferma e non farci fregare da chi sta usando le nostre stesse libertà contro di noi.
Riflettano bene, coloro che parlano di immigrazione da accettare sempre, coloro che osannano le ONG che vanno a prendere degli sconosciuti quasi sulle spiagge libiche, coloro che ritengono i paesi occidentali colpevoli di tutti i mali del mondo.
Perché questo atteggiamento non fa altro che favorirli, incoraggiarli, esaltarli. Riflettano bene. Davvero.

La Francia sceglie Macron

Dunque i risultati sono chiari, ha vinto Macron. Non una buona notizia per l’Europa, non per i popoli Europei almeno. L’auto celebrazione dei dirigenti #UE e dei governi filo Unione adesso proseguirà senza sosta, tacendo e anzi negando i problemi atavici che hanno portato alla situazione di crisi nota a tutti.
Ha ragione la #LePen, in questo caso, a dire che ha vinto la continuità ma a grave danno proprio di chi vive nel continente perché adesso di riforma dell’Unione, probabilmente, si parlerà poco e si produrrà il nulla.

Emmanuel Macron, nuovo Presidente Francese.

Emmanuel Macron, nuovo Presidente Francese.

Chi vince:
1) L’establishment Europeo filo austerity e filo Germania che adesso respingerà sistematicamente ogni tentativo di riforma per mantenere lo status quo imperante. Nessuna riforma passerà e si perderanno altri anni preziosi.
2) Sicuramente #Macron. Partito staccandosi dal Partito Socialista Francese, ne ha fagocitato gran parte già al primo turno in termini di voti. Ma attenzione perché una parte importante di questo consenso è arrivato da coloro che senza lo scandalo degli stipendi fittizzi avrebbero votato probabilmente per #Fillon. Resta da vedere quanto sarà adeguato il Renzi Francese alla situazione molto difficile in cui versa la Francia.
3) I Mondialisti. Personalmente ritengo la Globalizzazione un fenomeno sostanzialmente positivo ma non privo di effetti collaterali. Mi piace perciò distinguere chi vorrebbe una globalizzazione ordinata che minimizza gli effetti negativi e chi invece non si cura affatto degli effetti collaterali, cavalcando visioni distorte di concetti come solidarietà, integrazione, sviluppo economico al fine di abbattere ogni concetto di frontiera o limite e buttare nel calderone dell’economia masse insostenibili di disperati. Stasera purtroppo vincono i secondi.

Chi perde:
1) La destra Repubblicana Francese. Non è chiaro a tutt’oggi se Fillon abbia realmente sbagliato oppure no. Sicuramente ha sbagliato, in maniera grave, il Partito Repubblicano Francese che invece di sostenere il proprio candidato nel momento del bisogno, lo ha invece progressivamente abbandonato e di fatto scaricato. Fintanto che non verrà provata la colpevolezza di Fillon, a lui il merito di aver insistito e portato quasi il 20% dei voti al partito, risultato notevole visto che aveva praticamente tutti contro. Con l’aiuto di Dupont-Aignan sarebbe arrivato al ballottaggio e avrebbe potuto seriamente farcela.
2) Il Front-National e Marine Le Pen. A dire il vero li metto tra gli sconfitti solo per una questione di procedura, ovvero il ballottaggio alla Francese. Il partito si conferma il più forte tra quelli in campo, dato che Macron ha solo un cartello elettorale dietro a se. Inoltre Marine Le Pen si è conquistata il ruolo di opposizione indiscussa allo status quo Francese. Al secondo turno rimedia una scoppola notevole (30 punti di distacco) ma aver raccolto più di un terzo delle preferenze è comunque un dato importate ed è probabile che alle prossime legislative il Front-National saprà capitalizzare questo risultato. Macron non avrà affatto vita facile.
3) La sinistra Francese ed Europea. Cancellato il Partito Socialista del Presidente uscente, un umiliazione stratosferica. Al primo turno #Mélenchon raggiunge quasi il 20% facendo il populista di sinistra (un Grillo vestito di rosso) e usando gli stessi metodi che in altre parti d’Europa vengono disprezzati proprio dalle stesse sinistre. Tutti, anche qui in Italia, adesso tifano apertamente per candidati di Centro che propongono (sulla carta) liberalizzazioni e politiche pro impresa. Tutti, da #Bersani alla #Boldrini, da #Hollande a #Hamon, plaudono ad un candidato che di Sinistra ha poco o nulla. E qui in Italia abbiamo Renzi, il cui governo Avatar è infatti sostenuto dai fuoriusciti per finta di MDP e che sicuramente lo sosterranno alle prossime politiche. Renzi già da diverse settimane tra l’altro, ammiccava a Macron e ne usa gli slogan. Vedere per credere.

In conclusione:
Poteri forti e consolidati, multinazionali senza scrupoli e classi politiche che mirano esclusivamente alla propria sopravvivenza, hanno ormai capito che il veicolo usato fino a qualche hanno fa per i loro scopi, ovvero la sinistra mondialista, non traina più. Adesso i volti spendibili sono quelli di candidati di centro / centro-sinistra che fanno propri slogan e idee solitamente liberali o di centro-destra e pescando un po qui un po la, tentano di vincere e portare avanti un idea di società discutibile.
L’era degli Zapatero, degli Hollande, degli Obama, dei Corbyn (per lui mai neanche iniziata) volge al termine. Oggi siamo nell’era dei Renzi, dei Macron, delle Clinton (ma li gli è andata male).
Antidoto? Basta guardare i Conservatori Inglesi che con pragmatismo hanno fatto loro un risultato referendario cui erano contrari e che adesso guidano con autorevolezza il Regno Unito attraverso i negoziati per la #Brexit.
Per l’Italia la soluzione non è ne quella di uscire dalla UE o dall’Euro, ne fingere che vada tutto bene. Per noi la cosa migliore è ridiscutere i trattati uno per uno, in modo da trarne dei vantaggi, invece che delle palle al piede.

#DirezioneItalia #NewDirection

United States of Trump

E’ arrivato il verdetto. Impietoso! Onestamente non credevo che Trump ce l’avrebbe fatta, men che meno con queste proporzioni. Perché se è vero che Reagan e Nixon fecero i record di 49 stati su 50 è altrettanto vero che Trump partiva a dir poco svantaggiato: tutti i media o quasi contro, tutto l’establishment Finanziario e Federale (compresi il Pentagono e la CIA) a screditarlo e sostenere più o meno implicitamente la Clinton, il Partito Repubblicano stesso al gran completo, compresi almeno 2/3 della base che avrebbe invece votato per altri candidati durante le primarie. Aveva davvero tutti contro, eppure ce l’ha fatta. Perchè?

Donald Trump.

Donald Trump nel suo discorso dopo la vittoria.

E qui viene il bello. Per riuscire in questa impresa Trump è stato aiutato, non dal suo partito, non dai media, non dal governo federale…. Ma dalla sua diretta avversaria!!! Voi direte: ma come? Continua a leggere

Tasse, la costante dei burocrati

E’ notizia di oggi che l’Unione Europea ha inflitto una pesantissima “multa”, che poi multa non è, alla Apple, la mitica società di Tim Cook fondata negli anni 70 da Steve Jobs, colpevole di aver fatto pagare troppe poche tasse alla Apple dal 2007 ad oggi.

Molti i tweet di giubilo per questa notizia ma in tutta onestà non concordo, anzi. Sebbene non sia particolarmente contento che Apple paghi così poco, è altrettanto vero che questo caso genera come minimo qualche perplessità.

  1. Innanzitutto non capisco come si possa fare a definire un certo livello di tassazione un “aiuto di stato”, espressione che in realtà dovrebbe corrispondere ad incentivi, prestiti ad hoc, o regole palesemente fatte apposta per un’azienda specifica. Nel caso attuale invece non si tratterebbe di nessuna di queste situazioni, bensì Apple si sarebbe semplicemente avvantaggiata di norme varate quasi 20 anni fa per favorire l’innovazione in generale e gli investimenti delle multinazionali Hi-Tech in Irlanda.
  2. Chi decide qual’è un livello di tassazione accettabile? La Vestager? La UE? Non credo proprio. La Vestager è solo un “Commissario”, la UE non ha autonomia impositiva, cioè non può effettuare direttamente una tassazione. Dunque chi stabilisce regole di questo tipo? Gli stati nazionali. E fintanto che la situazione rimarrà questa la UE dovrebbe guardarsi bene da sparare affermazioni e multe come quelle annunciate dalla signora.
  3. E’ lecito che la UE si metta ad impicciarsi fino a questo punto della tassazione degli stati? L’Irlanda ha infatti presentato ricorso, proprio perché si tratta di fatto di una intromissione in questioni che non riguardano la UE, non finché l’unione non si doterà di una costituzione e di leggi fiscali che diano un ordinamento chiaro a tutta l’Europa.

Insomma, siamo di fronte all’ennesimo abuso dell’UE. Non paghi dei danni fatti fino ad oggi e incuranti di tutti i segnali di disgregazione dell’Unione, Brexit in primis, si continua a danneggiare chi produce e crea ricchezza.

 

Espandere la Democrazia

Un’altro attentato, proprio il giorno del mio compleanno… A questo punto m’incazzo! Ma come al solito voglio essere costruttivo e non disfattista e mi viene di getto una riflessione che voglio condividere con voi, proprio riguardo a questa situazione e al bisogno di libertà e democrazia nel mondo.

Una bambina posa dei fiori dove ieri sera ha avuto luogo la mattanza.

Una bambina posa dei fiori dove ieri sera ha avuto luogo la mattanza.

E’ il terzo attentato in 18 mesi per la Francia, il sesto per l’Europa dall’11 settembre ad oggi, data spartiacque. All’epoca la risposta dell’America di Bush fu di contrattaccare e spostare lo scontro altrove dagli Stati Uniti. Prima l’Afghanistan, poi a torto o ragione l’Iraq. E soprattutto in quest’ultimo caso si scatenò la furia mediatica del politically correct, che all’epoca era molto meno messo in discussione di adesso e che riversò sull’America e su Bush stesso una quantità di critiche mai viste. Nel bene e nel male quell’esperienza fu però utile e positiva perché alla fine del 2° mandato di Bush nel 2008 il terrorismo Islamico era ai minimi dal 2001 e in 7 anni non si erano mai verificati attentati su suolo Americano.
Alla fine di questa fase, venne eletto a furor di popolo e per la gioia dei media un Barack Obama che prometteva svolte epocali, anche e forse soprattutto in politica estera. Tutti si aspettavano moltissimo, me compreso e ammetto che credevo molto nella visione di questo inedito Presidente. Ma è del tutto evidente che è alla prova dei fatti che si misura la capacità di giudizio e l’efficacia di un’azione di governo della portata voluta dal primo Presidente Americano di colore della storia.
La sua politica si è basata sul disimpegno dell’America dal mondo, dove invece si prometteva un interventismo multilaterale e una lotta severa anche se diversa al terrorismo. Ha indebolito non poco le forze armate, l’intelligence, perfino la protezione per il personale di governo (vedasi l’attentato all’ambasciatore Stevens). Obama non ha cambiato in meglio le cose, le ha peggiorate e di parecchio perché in sostanza ciò che ha fatto non è stato altro che ritirare l’America dal mondo e “chiedere scusa” per l’America stessa e ciò che rappresenta.
Ha quindi arretrato il baricentro dello scontro verso Ovest, permettendo a tutto ciò che premeva da Est di farsi avanti, dal terrorismo all’espansionismo Russo, ma con riflessi evidenti anche a oriente, con la Cina che tenta di appropriarsi di migliaia chi Km quadrati di acque internazionali e la Corea del Nord che fa spudoratamente test con armi atomiche senza che niente e nessuno intervenga. E in tutto questo non dimentichiamoci del catastrofico accordo con l’Iran.

Il peggior presidente? Forse no. Ma sicuramente la peggior politica estera di tutti i tempi.

Invece di tenere botta e affrontare a viso aperto queste sfide si è perso tempo e sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare in termini di politica estera. Badate bene, ero partito parlando d’Europa e ho finito per parlar male per l’ennesima volta di Obama ma non lo faccio a caso: America ed Europa sono legate a filo non doppio, triplo: Occidente, UE, Nato e non si può parlare dell’una senza parlare dell’altra.

Un Presidente che ha guidato l’America in uno dei momenti più difficili della propria storia, con gli errori del caso, ma tenendo saldamente testa ad una delle più gravi minacce mai viste.

L’unica strada che possiamo oggi percorrere è quella di riprendere da dove George Bush, pur con gli errori del caso, aveva iniziato: esportazione ed espansione di libertà e democrazia. Anche perché se il mondo Islamico versa oggi in queste condizioni è perché si trova ad un bivio cruciale. I tempi richiederebbero un cambiamento profondo nella società Islamica, che purtoppo in molti tra loro non sono disposti ad affrontare: emancipazione della donna, stato laico, libere elezioni, stato di diritto, emancipazione sessuale. Tutti tabù o quasi nel mondo Arabo e che contraddicono, come sappiamo bene, la spinta umana alla libertà e all’emancipazione individuale.
Dunque dobbiamo tenere duro e perseverare, senza avere la pretesa di usare i cannoni contro le mosche ma sicuramente senza chinare il capo di fronte alla prepotenza e alla tirannia. Quindi sotto con l’ISIS in Iraq e Siria, ancora più forte di quanto non lo sia fatto fino ad ora e sicuramente al livello di ciò che si può fare, con le forze congiunte di USA, Europa e Russia messe assieme. E via tutti gli accordi scellerati, con l’Iran, la Corea del Nord o chiunque per loro.
Ma soprattutto sostegno convinto e deciso ad Israele che fa parte a pieno titolo dell’occidente tanto quanto noi, la Francia o l’America e che da decenni subisce ciò che la Francia, l’Europa e l’America hanno vissuto solo negli ultimi 15 anni.
Dobbiamo farlo. Altrimenti il male prevarrà.

Iran: la politica del compromesso al ribasso

Non è passata inosservata la visita del Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, Hassan Rouhani. Del resto, i nostri politici al governo ci hanno messo del loro affinché questo avvenisse e per condire per bene l’evento e far sentire “l’ospite a casa sua” hanno pensato bene di coprire delle statue, opere d’arte per cui la gente arriva da tutto il mondo e che raffiguravano in questo caso dei nudi. La sotto cultura che ha portato a questo ha origini lontane, arriva dai decenni passati e si radica oggi nel comune denominatore che ha sempre radunato tutti quelli che sono contro i fondamenti della società Europea e Americana in generale, cioè l’essere Anti-Occidentali.

L'attuale presidente Iraniano

Hassan Rouhani

Per affari complessivi che ammontano a poco più di 1 punto di PIL (la cifra sbandierata è di 17 miliardi di Euro) si decide quindi nelle segrete stanze di passare in cavalleria tutte le nefandezze fatte dal regime Iraniano dal ’79 ad oggi, dimenticando completamente tutte le persone che hanno subito e subiscono ogni giorno violenza, soprusi e la cattiveria di quello che è, per sua stessa definizione uno stato Islamico. E ci si dimentica ovviamente di tutto il resto, dallo Stato Islamico ai consumi interni che avrebbero bisogno di molta più cura e azioni efficaci anziché degli spiccioli e delle elemosina viste fino ad ora.

Continua a leggere

Parigi

E’ passata poco più di una settimana e l’effetto di quello che è successo è ancora fortissimo. Personalmente l’ho vissuta come ogni altra volta che notizie del genere sono entrate nelle vite di tutti: con rabbia e orgoglio. Le prime reazioni che ho avuto sono state queste, ogni volta.
isis-parigi
Rabbia, verso coloro che uccidono gli innocenti, solo in nome di una religione, di un Dio, di una morale superiore e inalterabile, assoluta, cui tutti, secondo questa follia, dovrebbero sottomettersi.
Orgoglio, per quello che è il mondo libero oggi, con gli Stati Uniti a farne da guida, per quello che rappresenta e per cui viene quindi combattuto da quegli assassini.
E mi è tornato in mente il titolo di un libro di una grande giornalista italiana, una delle migliori: Oriana Fallaci.

Continua a leggere