6 mesi di Trump

A 6 mesi dall’insediamento, Trump ha già fatto parlare parecchio di se sulla scena mondiale e ancor di più in patria. Altri nel mondo gli contendono lo scettro dall’audience globale, Nord Coreani in testa ma il Tychoon da bravo showman tiene botta e il bilancio parziale permette di provare a farsi un idea di come andranno le cose in futuro. Un bilancio in chiaro/scuro che però fa sperare per il prosieguo di questa Presidenza. Facciamo un riepilogo dei capitoli principali:

Economia

Donald Trump

Il 45° Presidente degli Stati Uniti, Donald J. Trump.

I posti di lavoro sono aumentati e la disoccupazione è ai minimi dal 2008. In 8 mesi non si può aver agito così a fondo da raggiungere questo risultato, dunque è in larga parte da attribuirsi alla vibrante e poderosa capacità dell’economia Americana di riprendersi col tempo anche dai disastri peggiori. Discorso diverso per quanto riguarda il potere d’acquisto degli Americani che negli ultimi 10 anni è andato calando costantemente e questo trend non può sicuramente essere invertito in così breve tempo. Per farlo serve un aumento generale delle retribuzioni, che a sua volta può essere ottenuto con un aumento della domanda di lavoro, al tempo stesso occorre che nei settori dove la competitività è diminuita di più si inverta la tendenza attraverso semplificazioni e razionalizzazioni delle leggi e dei regolamenti. La burocrazia non è un problema solo in Italia, ma dovunque sia troppo asfissiante. Naturalmente gli USA non sono l’Italia e da questo punto di vista stanno molto meglio ma l’allarme è bene che scatti adesso, prima di continuare su una deriva assai pericolosa. E’ sufficiente vedere l’esodo dalla California di numerose imprese per farsi un idea di ciò che vuol dire: la destinazione sono spesso altri stati limitrofi, segno che la competizione fiscale funziona, altro che armonizzazione come qualcuno vorrebbe fare qui da noi!
Il maxi taglio fiscale annunciato qualche mese fa, va nella giusta direzione, tuttavia, per avere l’efficacia necessaria deve essere accompagnata dalle riforme indicate qualche riga fa e soprattutto da altrettanti tagli e risparmi sul bilancio federale. Gli USA soffrono di un deficit pesante e un debito pubblico enorme, frutto della sciagurata politica economica degli ultimi 8 anni di cui si deve ringraziare Mr. premio nobel per la (NON) pace. E’ un dato che non si può ignorare e un problema che nei prossimi 3 anni dovrà assolutamente essere messo sotto controllo e disinnescato.
Siamo alle buone intenzioni e qualche segnale positivo. 6 politico con un + di incoraggiamento.

Continua a leggere

Tomahawk sulla Siria

Questa notte, alle 2:30 ora Italiana, il Presidente Trump ha ordinato ad alcune navi nel mediterraneo di sparare quasi 50 missili Tomahawk contro la base area di Al Shayrat in Siria. Ufficialmente l’attacco è la risposta all’attacco chimico di 2 giorni fa a Idlib ma in realtà il segnale inviato agli altri attori della regione è molto chiaro e ben più importante degli obbiettivi colpiti dai missili.

Tomahawk!

Un missile Tomahawk parte da uno dei 2 caccia-torpedinieri che hanno partecipato all’attacco di stanotte.

L’azione di Trump rimette, in un sol colpo, gli Stati Uniti al centro della scena medio-orientale, questo perché le possibilità di intervento USA sono molto superiori a quelle degli paesi confinanti con la Siria o vicini ad essa. L’America può far valere tutto il suo peso politico, economico e militare, cosa che aveva rinunciato a fare per tutta l’era Obama, con i risultati che sappiamo. Ora per Russi e Iraniani sarà ben più difficile attuare il disegno di dominio sulla regione cui entrambi aspiravano. Si mette male anche per Hezbollah, che proprio dall’Iran riceve appoggio e si mette invece molto bene per Israele che infatti plaude all’azione di Stanotte. Soddisfatti anche molti degli altri leader occidentali.

Rimane incerto a questo punto il futuro di Assad, con Trump che giocherà la partita per poter sfilare ai Russi e agli Iraniani il controllo del paese e che quindi punterà probabilmente alla sua deposizione o almeno al suo “addomesticamento”. Non dimentichiamoci anche che nelle ultime settimane alcune migliaia di soldati Americani sono arrivati in Siria per combattere l’ISIS e ovviamente queste truppe avranno un peso non da poco, quando sarà il momento di decidere il futuro della regione.

In conclusione, si tratta di un primo passo, finalmente positivo, verso la risoluzione del disastro Siriano, disastro che, non dimentichiamocelo mai, è stato creato in primis da Barack Obama.

Espandere la Democrazia

Un’altro attentato, proprio il giorno del mio compleanno… A questo punto m’incazzo! Ma come al solito voglio essere costruttivo e non disfattista e mi viene di getto una riflessione che voglio condividere con voi, proprio riguardo a questa situazione e al bisogno di libertà e democrazia nel mondo.

Una bambina posa dei fiori dove ieri sera ha avuto luogo la mattanza.

Una bambina posa dei fiori dove ieri sera ha avuto luogo la mattanza.

E’ il terzo attentato in 18 mesi per la Francia, il sesto per l’Europa dall’11 settembre ad oggi, data spartiacque. All’epoca la risposta dell’America di Bush fu di contrattaccare e spostare lo scontro altrove dagli Stati Uniti. Prima l’Afghanistan, poi a torto o ragione l’Iraq. E soprattutto in quest’ultimo caso si scatenò la furia mediatica del politically correct, che all’epoca era molto meno messo in discussione di adesso e che riversò sull’America e su Bush stesso una quantità di critiche mai viste. Nel bene e nel male quell’esperienza fu però utile e positiva perché alla fine del 2° mandato di Bush nel 2008 il terrorismo Islamico era ai minimi dal 2001 e in 7 anni non si erano mai verificati attentati su suolo Americano.
Alla fine di questa fase, venne eletto a furor di popolo e per la gioia dei media un Barack Obama che prometteva svolte epocali, anche e forse soprattutto in politica estera. Tutti si aspettavano moltissimo, me compreso e ammetto che credevo molto nella visione di questo inedito Presidente. Ma è del tutto evidente che è alla prova dei fatti che si misura la capacità di giudizio e l’efficacia di un’azione di governo della portata voluta dal primo Presidente Americano di colore della storia.
La sua politica si è basata sul disimpegno dell’America dal mondo, dove invece si prometteva un interventismo multilaterale e una lotta severa anche se diversa al terrorismo. Ha indebolito non poco le forze armate, l’intelligence, perfino la protezione per il personale di governo (vedasi l’attentato all’ambasciatore Stevens). Obama non ha cambiato in meglio le cose, le ha peggiorate e di parecchio perché in sostanza ciò che ha fatto non è stato altro che ritirare l’America dal mondo e “chiedere scusa” per l’America stessa e ciò che rappresenta.
Ha quindi arretrato il baricentro dello scontro verso Ovest, permettendo a tutto ciò che premeva da Est di farsi avanti, dal terrorismo all’espansionismo Russo, ma con riflessi evidenti anche a oriente, con la Cina che tenta di appropriarsi di migliaia chi Km quadrati di acque internazionali e la Corea del Nord che fa spudoratamente test con armi atomiche senza che niente e nessuno intervenga. E in tutto questo non dimentichiamoci del catastrofico accordo con l’Iran.

Il peggior presidente? Forse no. Ma sicuramente la peggior politica estera di tutti i tempi.

Invece di tenere botta e affrontare a viso aperto queste sfide si è perso tempo e sbagliato tutto quello che c’era da sbagliare in termini di politica estera. Badate bene, ero partito parlando d’Europa e ho finito per parlar male per l’ennesima volta di Obama ma non lo faccio a caso: America ed Europa sono legate a filo non doppio, triplo: Occidente, UE, Nato e non si può parlare dell’una senza parlare dell’altra.

Un Presidente che ha guidato l’America in uno dei momenti più difficili della propria storia, con gli errori del caso, ma tenendo saldamente testa ad una delle più gravi minacce mai viste.

L’unica strada che possiamo oggi percorrere è quella di riprendere da dove George Bush, pur con gli errori del caso, aveva iniziato: esportazione ed espansione di libertà e democrazia. Anche perché se il mondo Islamico versa oggi in queste condizioni è perché si trova ad un bivio cruciale. I tempi richiederebbero un cambiamento profondo nella società Islamica, che purtoppo in molti tra loro non sono disposti ad affrontare: emancipazione della donna, stato laico, libere elezioni, stato di diritto, emancipazione sessuale. Tutti tabù o quasi nel mondo Arabo e che contraddicono, come sappiamo bene, la spinta umana alla libertà e all’emancipazione individuale.
Dunque dobbiamo tenere duro e perseverare, senza avere la pretesa di usare i cannoni contro le mosche ma sicuramente senza chinare il capo di fronte alla prepotenza e alla tirannia. Quindi sotto con l’ISIS in Iraq e Siria, ancora più forte di quanto non lo sia fatto fino ad ora e sicuramente al livello di ciò che si può fare, con le forze congiunte di USA, Europa e Russia messe assieme. E via tutti gli accordi scellerati, con l’Iran, la Corea del Nord o chiunque per loro.
Ma soprattutto sostegno convinto e deciso ad Israele che fa parte a pieno titolo dell’occidente tanto quanto noi, la Francia o l’America e che da decenni subisce ciò che la Francia, l’Europa e l’America hanno vissuto solo negli ultimi 15 anni.
Dobbiamo farlo. Altrimenti il male prevarrà.

Panama Papers

Sta destando scalpore lo scandalo chiamato “Panama Papers”, un elenco di persone di tutto il mondo che avrebbero evaso le tasse grazie ade uno studio legale del paese centro Americano.

Panama City skyline

Panama City, capitale dello stato centroamericano.

Vi dirò la verità, anche in questo caso sono abbastanza disilluso sulla questione. Da diverso tempo infatti sono convinto che il problema non sia tanto l’evasore ma il paese dal quale si evade. Se lo si fa è perché si pagano troppe tasse e di conseguenza si cerca una scappatoia, un cavillo legale, un appiglio per eludere le imposte. Ovviamente non intendo dire che tutti gli evasori siano delle vittime, ci mancherebbe: non mancano sicuramente gli evasori “seriali”, quelli che lo farebbero anche se le imposte fossero solo al 3% e sicuramente evadere è comunque e in ogni caso un fatto grave. Ma penso anche che al fenomeno si debba rispondere in modo coordinato, intelligente e finalmente diverso rispetto al passato e non solo con la repressione dei trasgressori.

Continua a leggere

Iran: la politica del compromesso al ribasso

Non è passata inosservata la visita del Presidente della Repubblica Islamica dell’Iran, Hassan Rouhani. Del resto, i nostri politici al governo ci hanno messo del loro affinché questo avvenisse e per condire per bene l’evento e far sentire “l’ospite a casa sua” hanno pensato bene di coprire delle statue, opere d’arte per cui la gente arriva da tutto il mondo e che raffiguravano in questo caso dei nudi. La sotto cultura che ha portato a questo ha origini lontane, arriva dai decenni passati e si radica oggi nel comune denominatore che ha sempre radunato tutti quelli che sono contro i fondamenti della società Europea e Americana in generale, cioè l’essere Anti-Occidentali.

L'attuale presidente Iraniano

Hassan Rouhani

Per affari complessivi che ammontano a poco più di 1 punto di PIL (la cifra sbandierata è di 17 miliardi di Euro) si decide quindi nelle segrete stanze di passare in cavalleria tutte le nefandezze fatte dal regime Iraniano dal ’79 ad oggi, dimenticando completamente tutte le persone che hanno subito e subiscono ogni giorno violenza, soprusi e la cattiveria di quello che è, per sua stessa definizione uno stato Islamico. E ci si dimentica ovviamente di tutto il resto, dallo Stato Islamico ai consumi interni che avrebbero bisogno di molta più cura e azioni efficaci anziché degli spiccioli e delle elemosina viste fino ad ora.

Continua a leggere

Cosa ti aspettavi da Barack Obama?

Cosa ci si aspetta da un Presidente Americano e in questo caso da Barack Obama? La domanda ovviamente è molto generica e la risposta può essere in parte soggettiva.

Tenente Generale Michael Flynn.

Tenente Generale Michael Flynn.

Sicuramente però ci si aspetta che:

  1. Difenda gli interessi degli Stati Uniti nel mondo.
  2. Di riflesso difenda gli interessi (o almeno una parte significativa) dei suoi alleati, specie quelli più stretti.
  3. Supporti in un modo o in un altro l’avanzata dei diritti civili e delle libertà fondamentali, in accordo con la propria costituzione e identità.
  4. Supporti e/o favorisca la crescita economica generale del pianeta e la diffusione del benessere.
  5. Si schieri contro coloro che si oppongono a tutto questo, in un modo o in un altro.

Come dicevo, su questi punti si potrebbe discutere parecchio, visto che gli USA sono sempre un tema di discussione molto caldo quando si parla di politica.
Penso però che sicuramente, da un Presidente USA, non ci si aspetta che NON ostacoli o NON combatta il terrorismo e l’estremismo. Purtroppo, stando a quanto dice questa fonte, non sembrerebbe essere cosi. La fonte è nientemeno che l’ex direttore della Defence Intelligence Agency, Michael Flynn, ovvero i servizi segreti dello US Army. Nell’articolo viene linkato un documento che riguarda un analisi sulla Siria del 2012, nel quale si prefigura la possibilità che i rivoltosi possano istituire un governo “anti-Assad”.
Il Generale Americano, certamente esperto della materia, asserisce che stando al rapporto, il rischio di un eventuale nuovo stato guidato da elementi di Al Qaeda, Fratelli Musulmani o altri gruppi estremistici era alto ma che nonostante questo il fatto è stato volutamente ignorato dall’amministrazione in carica.

E’ del tutto evidente che a distanza di 3 anni suona quanto mai grave un errore di valutazione di questo tipo. Non ho avuto tempo di approfondire ma è probabile che altri documenti di altre agenzie confermassero in qualche modo questa previsione, a maggior ragione del fatto che la guerra civile in Siria, all’epoca, era in corso già da un anno.

Purtroppo quindi raccogliamo i frutti di questa politica, una politica pessima, frutto di un disimpegno dal mondo che si basa sulla folle e sciagurata idea che se nel mondo le cose vanno bene sia sempre e comunque in qualche modo colpa dell’America. Per commentare la politica di Obama scriverò in seguito un post a parte. Per ora mi accontento di dire che questa politica è del tutto sciagurata e figlia di un idea che non posso non definire allucinata, folle, anti-storica e bugiarda.

Parigi

E’ passata poco più di una settimana e l’effetto di quello che è successo è ancora fortissimo. Personalmente l’ho vissuta come ogni altra volta che notizie del genere sono entrate nelle vite di tutti: con rabbia e orgoglio. Le prime reazioni che ho avuto sono state queste, ogni volta.
isis-parigi
Rabbia, verso coloro che uccidono gli innocenti, solo in nome di una religione, di un Dio, di una morale superiore e inalterabile, assoluta, cui tutti, secondo questa follia, dovrebbero sottomettersi.
Orgoglio, per quello che è il mondo libero oggi, con gli Stati Uniti a farne da guida, per quello che rappresenta e per cui viene quindi combattuto da quegli assassini.
E mi è tornato in mente il titolo di un libro di una grande giornalista italiana, una delle migliori: Oriana Fallaci.

Continua a leggere