Il dopo Europee

Mentre i partiti iniziano pian piano a scaldare i motori in vista delle elezioni dell’anno prossimo, il sottoscritto si chiede: davvero chi tiene molto al concetto di libertà economica e alle libertà personali, all’interno del contesto di uno stato sovrano come il nostro, non avrà rappresentanza?

Nuovi slogan ma vecchi schemi

Il quadro della situazione è chiaro e lo conoscete tutti. Si potrebbe riassumere in Sovranisti ed Eurolirici, con i 5 stelle che, al governo con la Lega, tendono di più verso posizioni Euro-critiche. Ma nonostante il Contratto di Governo non sono ascrivibili all’albo dei sovranisti veri e propri. Basta vedere le posizioni di Fico e Di Battista sull’argomento immigrazione ad esempio, dunque fanno categoria a se. In tutto questo manca qualcosa e sapete bene tutti cos’è visto che ve lo ripeto ad ogni occasione utile: un vero partito liberale di massa, come in Italia non si è mai visto. Si potrebbe forse considerare la prima Forza Italia, quella del ’94, ma personalmente non posso ricordare quei tempi. Ero troppo piccolo e non ricordo molto di quell’epoca.

Rimane quindi l’esigenza di costruire un soggetto di quel genere, fermo restando che per fare qualcosa di solido e duraturo ci vuole tempo e pazienza. Ma oggi non si può più solo parlare di liberismo, liberalismo, libertarismo contrapponendolo semplicemente a tutto il resto. Personalmente credo che le differenze tra Sovranisti ed Eurolirici siano profonde e segneranno la politica per molto tempo a venire. Ma sono anche convinto che non siano che un uno “strato” che si sovrappone al vecchio ma consolidato schema Destra-Sinistra, in cui le collocazioni hanno parzialmente reinventato e rinfrescato linguaggio e idee, adeguandole ai tempi che corrono. Esistono ancora quindi le differenze di base che esistevano una volta, sono soltanto cambiati i protagonisti e alcune parole chiave. Continua a leggere

Centrodestra, Amministrative, Europee!

Lunga e bella intervista che ho concesso (grazie!!) a Collenews, toccando questioni nazionali e locali! Centrodestra, Amministrative, Europee!

Senza tralasciare un giudizio su questo governo e una digressione sulla vicenda del Ponte Morandi. Ho trattato temi che il Centrodestra deve necessariamente fare per rinnovarsi e vincere il grosso ciclo elettorale dell’anno prossimo. La partita sarà impegnativa e si giocherà sul binario Europeo e quello locale, con importantissimi risvolti a livello nazionale. La vita stessa del governo Giallo Verde potrebbe dipendere da questa tornata.

Aggiungo anche che a breve ci sarà una interessante novità che coinvolge il sottoscritto e altri amici. L’ambito sarà l’intera provincia di Livorno! Qualche indizio? Tenete d’occhio gli hashtag!

Lega, un mutuo impossibile da ottenere

Non ho nulla contro la Lega, anzi. Fa parte della coalizione di Centrodestra che sostengo ormai da tempo e ho ormai diversi amici che ne fanno parte. Ma perdonatemi, al di là della questione su quei benedetti 49 milioni che il partito è stato condannato a restituire, vi sembra possibile che dal nulla si ottenga una dilazione di 80 anni (!!!) per restituire i suddetti quattrini???

Ma secondo voi, se vado in banca e chiedo un mutuo di 100 anni senza garanzie, me lo danno? Se un impresa che è indietro col pagamento della montagna di tasse che questo paese gli chiede, prova ad ottenere una dilazione del genere secondo voi gliela accettano?? Mi sembra che siamo di nuovo su 2 pesi e 2 misure, come spesso accade in questo paese.

La mia soluzione, al netto del fatto che la sentenza è solo di primo grado e quindi potrebbe essere ribaltata, sarebbe stata semplicemente quella di aspettare. Quei soldi da qualche parte sono finiti e ci vorrà tempo per trovarli. Non ci vuole ne la confisca di tutti gli spiccioli (ingiusta e costituzionalmente discutibile), ne una dilazione surreale che non sta ne in cielo ne in terra. Solo pazienza e indagini. E se poi ad un certo punto bisognerà dilazionare, almeno che sia qualcosa di compatibile con le richieste che fanno normalmente lo stato o le banche ad aziende e cittadini.

P.S.
Quanto ai mutui, guardate questo video:
https://www.youtube.com/watch?v=tVAsZTa-ZZo

Tempo perso

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

2 mesi buttati al vento. Per un verso o per un altro siamo diventati un paese più ridicolo di quanto non lo fossimo già. La figuraccia è totale e si salvano veramente in pochi. Su tutti il presidente Mattarella che personalmente non mi ha mai fatto impazzire ma cui va riconosciuto di aver provato tutte le possibili soluzioni, almeno quelle eticamente accettabili. Poi si passa ai colpevoli e qui distinguo due gruppi:

  • Il primo gruppo, i “creatori” di questa orripilante legge elettorale (PD e FI) insieme quelli che l’hanno votata (PD, FI, ma anche Lega e cespugli centristi vari della scorsa legislatura).
  • Il secondo gruppo, ovvero “gli schizzati” in cerca di protagonismo sfrenato (Di Maio e Berlusconi) e “gli accattoni” (Martina e i suoi) e credo che il perché di questo soprannome sia evidente. Spiace dover essere così caustico ma lo spettacolo visto è stato grottesco e indecoroso.

Ma come si poteva pensare che una legge elettorale così strampalata avrebbe davvero permesso una governabilità di qualche genere?

Ma come si poteva pensare di evitare figure misere, specie di fronte ad una situazione e dei numeri come questi?

Ci voleva cervello

La ragionevolezza avrebbe imposto, già il 5 di marzo, una considerazione che a me sembra semplice e ovvia: i numeri per governi di legislatura non c’erano, si poteva SOLO puntare ad un accordo limitato della durata di un anno, per portare all’election day del 2019 insieme alle Europee e alle Amministrative. E ovviamente poteva essere solo un accordo tra il primo e il secondo arrivato (CDX e M5S) perché il PD può essere criticato in tutti i modi possibili ma quando Renzi dice che le elezioni le ha perse e che vuol stare all’opposizione non gli si può dire nulla. Semmai è miserabile e da accattoni il tentativo di Martina di cercare un accordo suicida con il M5S.

Quanto a Giggino…. Beh, ormai dilagano i Meme su Giggino il democristiano… Quelli che “siamo arrivati primi” alla fine non hanno portato a casa niente e rimediato solo porte in faccia. Oltre ad aver speso una parte significativa della propria credibilità senza ottenere un bel nulla. Troppa rigidità, troppa supponenza, troppa presunzione nel guardare tutti dall’alto verso il basso, quando invece c’era chi stava più in alto di loro.

Dunque siamo da capo e bisogna sperare che non arrivino ventate speculative, e che si riesca ad evitare almeno l’aumento dell’IVA…

Grazie ragazzi, grazie davvero per questa bella frittata di merda.

P.S.
Per il Centrodestra: evitiamo per favore cose del tipo “andiamo in parlamento a cercare i numeri” perché anche questa è roba da democristiani. E la gente non digerisce più queste manovrine…

Ambiente, libertà e Centrodestra

Nei giorni scorsi ho scritto un articolo destinato al concorso indetto dal Think Tank “Nazione Futura” denominato “Pensiamo l’Italia del futuro“, in cui si chiedeva di scrivere un testo in risposta a delle domande tra cui scegliere.
Visto cos’è successo il 4 Marzo e visto che il Centrodestra italiano vive uno dei suoi momenti più difficili, a metà tra una vittoria incompleta e la necessità di rifondarsi, ho pensato che la domanda più adatta cui rispondere fosse una di quelle che la coalizione nel suo complesso non si è mai davvero posta, ovvero la seguente.

Perché è importante la tutela dell’ambiente che ci circonda?

Il Centrodestra ha perso di vista la discussione di fondo e il relativo passo successivo, ovvero la costruzione di un progetto di governo unitario, realistico e futuribile. E in tutto questo il tema ambientale è mancato quasi del tutto. Dunque ecco quella che non è la mia risposta definitiva ma spero almeno uno stimolo per iniziare una discussione seria.

Tema trascurato

Un esempio di casa interamente ecosostenibile

Il tema dell’Ambiente è stato fino ad oggi trascurato e bistrattato, quasi fosse marginale o d’impaccio. Cercare più mercato, più libertà, a mio modesto parere, non solo non cozza, ma anzi si incrocia con un tema inequivocabilmente ineludibile. I cambiamenti climatici sono evidenti e la scienza ci dice che sono sicuramente e pesantemente influenzati dall’azione dell’uomo, inutile girarci tanto intorno.

Un nuovo approccio

Ma questo non significa sposare l’approccio pauperista e catastrofista tipico di altre forze politiche, le quali hanno sfruttato e piegato il tema per lottare ancora una volta contro il capitalismo. Significa invece cogliere l’opportunità di una trasformazione più che positiva per la nostra economia e puntare a quello che con i combustibili fossili, per l’Italia, non sarebbe mai stato possibile, ovvero l’indipendenza energetica. Tutto questo tramite le tecnologie green e naturalmente il libero mercato.

Oggi pomeriggio ho saputo che il testo è stato selezionato per essere parte del volume monografico dedicato al concorso della rivista, notizia che mi fa molto piacere. Il prossimo 17 aprile, salvo quindi imprevisti, sarò a Roma a partecipare all’evento di presentazione del volume.

L’evento si terrà Martedì 17 aprile alle ore 18:30 nella suggestiva Terrazza Civita in Piazza Venezia 11 a Roma

Ed ecco di seguito il testo da me proposto.

Continua a leggere