Tg2 Post sbornia?

Stasera a “Tg2 Post” (o dovremmo dire “Tg2 post sbornia” stasera) ho sentito tante ma tante cazzate:

  1. Reddito Di Cittadinanza è di destra. Lo voleva Milton Friedman.
  2. Le nuove vie della seta sono una manna.
  3. L’economia della finanza è totalmente distruttiva.

Freccero… Sbaglia anche la lettura su Trump… Porterò presto il CV a viale Mazzini se questo è il livello del direttore di RaiDue… Detto questo, smontiamo velocemente le falsità sentite stasera.

L’Imposta Negativa sul Reddito di Milton Friedman

Quando Friedman propose l’Imposta Negativa sul Reddito (abbrevierò in INR) non intendeva assolutamente nulla di paragonabile al RdC grillino. L’INR è uno strumento che cercava di aiutare il contribuente a raggiungere un reddito minimo, non finanziando tutto il necessario per raggiungere quella soglia ma dando un aiuto proporzionale alla differenza tra il guadagnato e la soglia minima di reddito stabilita. E cosa più importante, SOSTITUISCE tutte le altre forme di welfare esistenti, NON si affianca ad esse. In più sarebbe universale, varrebbe anche per P. IVA e liberi professionisti. Vedere questo video della Fondazione Luigi Einaudi Onlus per capire: https://www.youtube.com/watch?v=FItJ-QRJB-8

Continua a leggere

Figuracce e somiglianze sinistre

Ricapitolando.

Maurizio Martina, attuale segretario del PD.

Siamo partiti col PD e le esternazioni esileranti dei suoi leader, da Daisy Osakue ai fondi per i disabili, passando attraverso le sparate di Renzi e i moralismi della Boschi. Nel frattempo Boldrini e compagnia cantante, con il femminismo imbecille in scia del movimento #MeToo, hanno cercato di rimanere attaccati al treno con la figuraccia mondiale di AsiaArgento.
Ma niente, perché ti arrestano il Sindaco di Riace e giustamente non può non partire all’attacco un Saviano qualunque, un soggetto che un mese fa idolatrava il procuratore di Palermo per l’indagine su Salvini e adesso grida al regime e alle leggi “Infami” perché improvvisamente quella stessa legalità di cui lui voleva essere bandiera si è rivelata incompatibile con le sue convinzioni politiche. Fa già ridere così ma se penso che questo ha costruito un intera carriera sulla lotta alla Mafia…

Roberto Saviano.

Che pena. E lo dico seriamente perché queste vicende testimoniano una mediocrità imbarazzante da parte di chi, per anni, si è proclamato difensore dei diritti, esperti, competenti, contrari al populismo. Non hanno ancora capito (e chissà se ci riusciranno mai) che sono proprio loro, con questi atteggiamenti, ad essere la miglior garanzia di successo elettorale per M5S Lega, i cui leader stappano vino e spumante ogni volta che uno di questi fenomeni apre bocca e gli da fiato. E questo ragionamento si può tranquillamente estendere all’intero pianeta perché alla base la situazione è la stessa. AfD in GermaniaOrban in Ungheria, la situazione in Polonia e Repubblica Ceca, Trump negli Stati Uniti, Brexit! Continua a leggere

Si a Kavanaugh!

Brett Kavanaugh

La vicenda della conferma del giudice Kavanaugh dimostra in maniera chiara, se mai ce ne fosse stato ancora bisogno, che la schizzofrenica interpretazione del concetto di “Femminismo” ha raggiunto livelli liberticidi.
Una persona integerrima, un curriculum di tutto rispetto, una carriera immacolata. Poi arriva una tizia dopo 36 anni e improvvisamente si dovrebbe scartare questa persona per delle accuse non dimostrate e ormai indimostrabili. E’ come accusare un tizio a caso che passa per strada di averti ucciso l’animale domestico e pretendere che vada in gabbia avendo dalla propria parte la propria e sola disperazione.

No, tutto questo è inaccettabile!

Non si può sapere ormai se ci sia stato qualcosa di vero oppure no: è la parola di Kavanaugh contro quella della donna che lo accusa. E in un paese civile vale sempre la presunzione di innocenza. Mi aspetto quindi una conferma del candidato voluto da Trump e spero che i componenti Dem della commissione del Congresso non facciano di un occasione così importante una vetrina per raccattare qualche voto in vista delle elezioni di Midterm. Stesso discorso per quei Repubblicani che si divertono un po troppo a fare l’opposizione interna. Criticare va bene, benissimo, ma con criterio e non per fare campagna congressuale permanente.

Se non basta vedere anche il movimento #MeToo e il caso di Asia Argento, vittima della propria follia.

Cuore, Immigrazione e Governo

Immigrazione, tema caldo, caldissimo. Da Trump a Salvini tutti nell’occhio del ciclone per la linea dura e grida allo “scandalo” per parole o azioni dei 2 soggetti in questione. Il mio pensiero su queste vicende è semplice: lo spartiacque fondamentale è la legge.

Cuore si ma con coerenza

Se qualcuno obbietta che occorre anche cuore e umanità, sappia che non mi trova ostile, basta che poi si abbia cuore e umanità anche in altre situazioni. Per esempio, quando in una colluttazione con un ladro (magari proprio un clandestino uscito da uno dei centri di accoglienza), quest’ultimo ci lascia le penne e la vittima si deve difendere da accuse di omicidio che ai suoi occhi (e ai miei) appaiono lunari. Oppure quando, sempre in osservanza della legge, un tribunale condanna un imprenditore che per la crisi ha dovuto scegliere se pagare le tasse, i fornitori o i propri dipendenti, preferendo magari questi ultimi.

Insomma, quello che voglio dire è che bisognerebbe stare attenti a dare alla legge un applicazione troppo arbitraria. Non serve essere laureati in giurisprudenza per capire che per loro natura, a volte, le leggi possono avere un interpretazione in un senso o in un altro. Dopotutto, il sistema legale è un sistema prodotto dagli uomini che come noto non sono perfetti, dunque nemmeno il miglior sistema legale al mondo lo è.

A questo punto però, per tentare di venire a capo della questione, bisogna adottare un discriminante. La legge è espressione del parlamento sovrano della nazione che la emana, dunque destinata a dare un beneficio o prescrivere delle disposizioni al popolo di quella nazione. Nazione che tra i suoi compiti essenziali vede sicurezza da minacce interne ed esterne, dunque è una naturale conseguenza il controllare i confini e capire chi e cosa vengono a fare le persone che arrivano, siano essi su aerei, navi, barconi, piedi, biciclette o altro.

E certamente il mancato rispetto delle leggi sull’immigrazione (a prescindere da quanto sono efficaci) è da punire senza indugi. Nel caso dell’immigrazione con la pena più ovvia, l’espulsione.

Gli USA e Trump

A Trump possiamo rimproverare “mancanza di cuore” per via dei bimbi separati dalle famiglie? Forse. Perchè esiste anche la possibilità che i bimbi stessi siano usati come “scusa” da qualcuno che non è esattamente ben intenzionato. Ciò non toglie che a volte i bimbi siano realmente e tristemente separati davvero dai genitori, ma una volta espulsi è sempre possibile il ricongiungimento.
C’è comunque il modo legale di entrare negli USA, anzi, la via è quella. Ci si mette in lista e si aspetta, come tutti.

Le separazioni possono essere tristi ma funzionano anche come deterrente e questo unito all’applicazione puntuale delle leggi sull’immigrazione rappresenta il miglior antidoto all’afflusso dei clandestini: un deterrente. E la legge va applicata per forza di cose interpretandola a favore dell’interesse base della nazione (cioè di chi ci abita), ovvero la sicurezza.

Idee in Pillole – Volume 4

Il mese del Russigate, senza alcun dubbio, ma del tutto infruttuoso per gli odiatori di mestiere di Trump.

Le cazzate su Flynn

Le cazzate che sto sentendo su Michael Flynn non hanno eguali. L’ex generale si è costituito ma a quanto “sembra” (perché la notiziona è stata data solo sulla base di supposizioni giornalistiche), avrebbe accettato di testimoniare contro Trump. Di solido c’è solo uno stringato comunicato stampa in cui viene annunciato un accordo con le autorità. “Sembrerebbe” che Flynn abbia parlato si con i Russi, ma di sanzioni, dell’atteggiamento dei russi all’ONU e di altre cose plausibili per il ruolo che sarebbe andato a ricoprire. Niente di illecito. Quindi fatemi capire bene: il solo fatto di aver parlato (di cose lecite) con i russi dovrebbe essere sufficiente a mettere Trump sotto impeachment??? Ma chi sparge questa fuffa in giro si rende conto di ciò che dice e scrive?
Dovrei esserci abituato ma rimango sempre più allibito.

“Fassisti”

Altro episodio del “Torna Il Fascismo Show”. 12 scemi fanno un po di caciara con fumogeni e bandiere di Forza Nuova, sotto la sede de “L’Espresso”. Sdegno, emergenza totale, il PD che organizza addirittura una manifestazione contro i “Fascismi e i Populismi”.
Ora, una considerazione banale: basterebbe non dare risalto su tutti i TG a questi fenomeni per non incentivare altri idioti ad emulare. No? Se si da spazio in questo modo ad una dozzina di persone, quando saranno di più cosa faranno i media? 3 giorni di diretta? Mah…
Una considerazione un po meno banale: uno dei motivi per il quale questi episodi stanno accadendo più spesso è la situazione sociale ed economica. Porsi qualche domanda sull’efficacia delle politiche degli ultimi 5 anni? Riflettere un attimo sull’opportunità dello Ius Soli in questo momento storico (e non solo)? No eh…

Direzione Italia a Livorno!

Stavolta la notizia siamo noi! Eccoci in via Grande a Livorno per raccogliere le firme contro il caro parcheggi e far conoscere Direzione Italia!

Hurrà! 😀

Significato di “Ipocrita”!

La Mogherini è un ipocrita. Accoglie Netanyahu augurandogli buona festa del Chanukkah, quando è tra le prime artefici della politica anti occidentale e anti Israeliana degli ultimi anni.
Trump ha fatto benissimo a riconoscere l’ovvio, Gerusalemme capitale di Israele. L’ANP non avrebbe mai accettato un riconoscimento di questo genere: fa troppo comodo continuare a recitare la parte delle vittime e non prendersi le responsabilità in termini di sicurezza e politica estera che un futuro stato Palestinese comporterebbe. E allora ecco la svolta, apparentemente condannata da tutti ma in realtà solo da pochi (Erdogan, gli Iraniani e i più irriducibili tra i Palestinesi stessi).
Un colpo notevole per Trump.

Lo schiaffo che non esiste

L’elezione di Doug Jones e la presunta, tanto quanto l’inesistente “schiaffo” (il candidato dei repubblicani non era nemmeno stato appoggiato alle primarie dal Presidente!!!), sconfitta politica di Trump serve solo ad una cosa: permettere ai media Italiani di distrarre la gente dal vero scandalo.
Un ex Vice Presidente USA, Joe Biden, che si permette di dire che la nostra recente storia politica è stata segnata da presunte (queste si!!!) intromissioni russe nei nostri affari interni.
Non uno straccio di prova, si spara una stronzata colossale così, tanto per fare. Ci pensate che questo e il genio che era il suo capo hanno governato gli USA per 8 anni???
Ad agosto 2015, ma nemmeno a giugno 2016 (inizio e fine delle primarie del GOP) non avrei mai pensato di dirlo ma… Ben venga Trump! Specie arrivati a questo punto e specie dopo aver visto in questi 12 mesi quanto siano approssimativi gli “Anti Trump” a tutti i costi!