Essere Europeisti. O no?

Essere Europeisti, di questi tempi, è una gran bella sfida, specie per i liberali che non si adattano ne al pensiero unico mainstream ne alle sirene del mondo Sovranista. La crisi legata al Corona Virus ha imposto ai vari capi di stato e di governo la necessità di spremere dalle istituzioni comunitarie il massimo. Questo per affrontare la più grande emergenza che l’Europa e il mondo abbiano mai visto dalla fine della seconda guerra mondiale. In confronto, l’11 settembre e la crisi dei mutui sub-prime impallidiscono, specie di fronte alle proiezioni sull’economia che stanno circolando in questi giorni. Dunque come giudicare l’Unione alla luce delle azioni compiute e più in generale delle decisioni prese fino ad ora? E di conseguenza, ha senso essere Europeisti oggi? E in che modo?

La bandiera dell'Unione e in teoria degli Europeisti. Ad oggi rischia di apparire sempre più priva di significato. Ahimé.
La bandiera dell’Unione e in teoria degli Europeisti. Ad oggi rischia di apparire sempre più priva di significato. Ahimé.

Questo, ovviamente, tenendo ben sullo sfondo il pensiero sia dei Sovranisti sia degli Europeisti di professione. Ma mentre i Sovranisti sono molto in minoranza nel mondo dell’informazione e della cultura, gli Eurofanatici dal 1992 in poi, hanno cominciato ad insediarsi nelle redazione dei giornali, dei TG, delle radio e dai primi anni 2000 anche in quelle dei siti di punta e delle testate online. Sono diventati una casta, una élite che pretende di essere considerata dotta e illuminata e che giudica guardando dall’alto verso il basso tutti gli altri. In preda a volte a deliri psichedelici da fare invidia anche al più fatto tra i fatti, sparano previsioni, sentenze, analisi. Ma la realtà si giudica in base ai fatti, fatti che puntualmente gli danno torto.

Continua a leggere

Clima d’Odio

Finisce l’anno ed è tempo di bilanci. Finisce un 2019 che per chi è di Centrodestra come il sottoscritto può essere letto in chiaro-scuro. Da una parte, sicuramente, le vittorie nelle amministrative e nelle regioni che sono andate al voto, specie l’Umbria. Quest’ultima in particolare è la perla più bella, visto che si trattava di un fortino rosso e che la contesa è stata vinta con oltre 20 punti di distacco. Roba da fantascienza fino a qualche anno fa. Merito dell’unità della coalizione e in particolare del nuovo clima di unità che si è visto da Piazza San Giovanni in poi. Lo scuro continua ad essere la presenza di un governo di sfacciato opportunismo politico messo in piedi da PD e M5S al solo vero scopo di non andare a votare. E l’unico sostegno che ha davvero è l’odio sistematico per il nemico supremo, Salvini.

L’azione di governo è quella che è, ma quando metti in piedi una maggioranza come questa non puoi aspettarti di meglio. Intanto nel paese spunta un fenomeno nuovo che in realtà è vecchissimo. Lo abbiamo già visto in tante incarnazioni, dal movimento dei girotondi (il primo che ricordo a memoria data la mia età), passando per il popolo viola ed altri ancora: sto parlando delle famigerate Sardine. Dico famigerate perché come abbiamo già visto si tratta di un movimento, si, non violento e perfettamente legittimo, ma anche dichiaratamente “contro” e non “per” qualcosa. Il loro manifesto parla chiaro, si oppongono al “populismo” e quindi alla “Bestia Salvini” e per bestia non intendono il team social del leader leghista ma un aggettivo inscindibile dal soggetto in questione.

Continua a leggere

Mara Carfagna: tweet vari e scelte futuribili

E’ ormai quasi un mese che faccio parte ufficialmente di Forza Italia. Proprio stamani ho partecipato al Congresso Provinciale di Livorno dove sono stato eletto nel Comitato Provinciale, il “parlamentino” che sostiene e coadiuva il nuovo Coordinatore Provinciale, Chiara Tenerini, cui va il mio augurio di buon lavoro! Dunque adesso sono anche parte del gruppo dirigente di questa provincia e ciò per me rappresenta un onore oltre che un onere che cercherò di assolvere al meglio. E a livello nazionale, forse, si affaccia una possibilità di rinnovamento con Mara Carfagna. Ma ci sono diverse cose da valutare.

Mara Carfagna, Vicepresidente della Camera dei Deputati.

A questo punto bisogna iniziare a fare qualche ragionamento su cosa ci riserva il futuro e quali scelte sono da fare o non fare. Ritengo la Carfagna l’unica che può effettivamente succedere a Berlusconi, in questo momento, come leader del movimento. Ha talento, è preparata, ha un certo carisma e sa stare bene in televisione. C’è però un serio problema: a giudicare dai tweet e dalle dichiarazioni che ha fatto soprattutto di recente, sembra avere una linea molto (troppo) centrista e poco propensa ad una collaborazione con i nostri alleati sovranisti. E ciò ovviamente mi convince poco.

Questo per esempio è uno di quei tweet da non fare, uno di quei messaggi da non mandare mai più! Forza Italia ha già vissuto una fase di avvicinamento al PD o comunque all’area moderata di sinistra e il risultato è stato catastrofico. Renzi, Italia Viva e il PD non sono scelte possibili per chi come noi è liberale davvero. La nostra fedeltà deve andare in primis al popolo del Centrodestra e al suo comune sentire. E di conseguenza ad una alleanza solida che bisogna certamente migliorare e rinsaldare.

Continua a leggere