Silvio e il futuro del Centrodestra

Ho appena finito di vedere Silvio su RaiDue. Mi sorgono subito 2 considerazioni spontanee sul futuro del Centrodestra italiano.

Le Primarie

Silvio Berlusconi

Il Centrodestra nei sondaggi è maggioritario e quando è stato unito difficilmente è stato sconfitto e in ogni caso ha sempre venduto cara la pelle. Ma le lacerazioni che stiamo vedendo in questi giorni per le candidature a Sindaco in molte città non sono certo produttive. Proprio non se ne vuole parlare di primarie eh? Bisogna per forza perdere così tanto tempo in trattative estenuanti? Quando si capirà che dare voce alla base è una mossa fondamentale per acquisire solidità e credibilità non sarà mai troppo tardi. Silvio avrebbe l’autorevolezza per poterle chiedere, almeno per i centri più importanti. La Meloni c’ha provato ma sfortunatamente non pesa abbastanza (per ora) nelle urne per cambiare le carte in tavola.

La Merkel

Vedo che il Cavaliere parla di nuovo di vicinanza alla Merkel. Sono confuso. Da leader disponibile e autorevole alla “culona inchiavabile” e poi di nuovo leader aperto al confronto e al dialogo, come stasera. In mezzo i fatti del 2011 e tutto quello che ne è conseguito. Io non mi fiderei più sinceramente. La Geopolitica è un gioco pericoloso e difficile e la Germania guarda ormai da 25 anni solo ai propri interessi. Oltretutto la Merkel stessa è in fase di tramonto e quindi in Europa potrebbe non avere più la capacità di incidere di un tempo.

L’orizzonte futuro

Mediaticamente Silvio tira ancora, non come un tempo ma abbastanza per ricavarsi sempre uno spazio. Però sembra non aver ancora accettato il fatto che sempre meno gente vedere l’Europa alla “PPE” come credibile (men che meno la Merkel e la Germania), dunque il declino, se la situazione resta questa è irreversibile. La mossa coraggiosa sarebbe ripensare il collocamento all’Europarlamento e spostarsi verso un opposizione pragmatica. Anche solo per non darla vinta a chi, in fin dei conti, non si è fatto scrupoli 8 anni fa a mettersi di mezzo. Il futuro del Centrodestra dipende anche da questo.

Il vero falso profeta

Guy Verhofstadt

“Falso profeta” è l’accusa che Guy Verhofstadt, leader nell’Europarlamento del gruppo dei Liberal Democratici, rivolse ad Alexis Tsipras nel lontano 2015. All’epoca il Belga, accusò il neo-premier Greco, con soddisfazione di molti, compresa la mia, di essere un ciarlatano. Quest’ultimo minacciava di rovesciare l’UE in quanto colpevole di un Austerity mortale ma in realtà non avrebbe saputo o potuto fare niente di quel che si proponeva per combatterla. E’ andata esattamente così e sto ancora godendo per la figura misera rimediata dal Greco. Tuttavia, il nostro amico delle Fiandre non è esentabile da critiche, anzi. La stessa accusa di falso profeta che rivolse a Tsipras si può oggi rivolgere a lui stesso.

Perché?

Verhofstadt nasce liberale e liberista (qui l’articolo di oggi del sole 24 ore e qui la pagina Wikipedia) ma col tempo, a modesto parere di chi scrive, si dimentica dei principi di base del liberalismo che personalmente riassumo così:

  1. Ricerca costante della massima libertà per l’individuo, compatibilmente col rispetto della libertà altrui. Un individuo penserà sempre alla ricerca del meglio per se stesso e in moltissimi casi sarà in grado di provvedere da solo ai propri bisogni.
  2. Minor intromissione possibile dello stato o di enti assimilabili ad esso nella vita delle persone. Lo stato è (un male) necessario, come dicono alcuni filosofi liberali, bisogna cercare di non farlo diventare mai più grande dell’indispensabile.
  3. In conseguenza dei punti 1 e 2, la religione, le tradizioni e la cultura di un individuo devono essere sempre rispettate, fin quando per motivi acclarati e non interpretabili non diventino motivo di oppressione per altri individui o gruppi di individui.

Liberale a parole

Perché dunque Verhofstadt ha tradito questi principi? E’ presto detto. Questo signore Belga fa parte, anzi, è il leader del gruppo dei “Liberal Democratici”, gruppo rilevante del Parlamento Europeo che si definisce appunto “liberale”. E’ auspicabile dunque che un gruppo del genere si prodighi e cerchi di portare avanti per quanto possibile, provvedimenti e battaglie ascrivibili a questa filosofia politica.

Ciò in questi anni non è avvenuto e quando si è visto qualcosa i provvedimenti sono stati incompleti e marginali. Sono pochi i provvedimenti su cui si può effettivamente dire che l’Unione Europea abbia davvero fatto qualcosa di liberale. Mi viene in mente solo l’abolizione del roaming Europeo, anch’esso purtroppo ancora parziale. Anche perché gli operatori non consentono attualmente di utilizzare il 100% dei pacchetti d’offerta anche all’esterno ma solo una parte. Sorvolo sulla direttiva Bolkestein che merita un post a parte ma che rappresenta anch’esso la montagna che ha partorito un topolino.

Continua a leggere

Processare Salvini: la storia si ripete

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Sembra di rivivere, in questi giorni, gli anni del Berlusconi continuamente sotto attacco da parte dei giudici, a torto o a ragione. E’ spesso vero che la storia si ripete e sembra che purtroppo stia succedendo anche stavolta, in negativo.

Il Precedente

La speranza, per chi vive una vita comune e vede il mondo scorrere in TV o sul web, è che dagli errori si riesca sempre ad imparare, così da comportarsi diversamente la prossima volta. Ma c’è chi volutamente non impara, si incaponisce e persevera nello stesso identico sbaglio.

In questo caso, parliamo di quella parte della magistratura che purtroppo non ha imparato la lezione dagli anni di “guerra” fatta a torto o a ragione nei confronti di Berlusconi. Nonostante la pressione messa sul cavaliere infatti, nessun assalto è mai riuscito davvero. Alla fine è stato estromesso dal parlamento non da un giudice, bensì da una legge approvata durante la reggenza di un cosiddetto governo “tecnico”. Legge che per altro ha presentato anche diversi problemi di costituzionalità.

La sostanza è che Silvio, in 25 anni di attività politica, ha governato per quasi 10 anni, così come gli avversari, mentre 5 anni sono il totale dei governi tecnici avuti fino ad oggi. Si tratta di uno score importante, ottenuto avendo praticamente da lottare ogni anno contro i PM di turno. Dunque, di fatto, l’offensiva dei giudici è risultata assai inefficace. Il paese non ne è uscito migliorato, Berlusconi è sempre in pista e in compenso adesso la sfiducia degli Italiani nei confronti di uno dei poteri fondamentali dello stato è sempre più bassa.

Tocca al leghista?

Sembrerebbe dunque che ci risiamo. Certo, la vita di Salvini non è stata fino ad ora così costellata di eventi potenzialmente carichi di ombre da poter determinare lo stesso accanimento visto con Berlusconi. E’ del tutto evidente però che se si salta alla giugulare del ministro dell’interno con così tanta facilità, significa che quella parte di magistratura che fa giustizia e al tempo stesso politica, si sta di nuovo mobilitando. C’è da vedere ovviamente come evolverà la situazione e se questo episodio rimarrà isolato. Oppure se sarà il primo di una lunga serie. Molto dipenderà anche dall’atteggiamento e dal voto dei 5 stelle.

E’ comunque inaccettabile, al di là delle idee di ciascuno, che un potere dello stato entri sistematicamente in gioco ogni qual volta i governi sono della parte avversa alla sensibilità politica di questa corrente della magistratura. Lo stesso fatto che esista un associazione come “Magistratura Democratica” rende palese questa parzialità. Ma ciò è gravissimo perché un giudice e un magistrato dovrebbero, anzi devono, sempre avere, almeno in partenza, un atteggiamento neutro nei confronti di ciascuno. Ed è del tutto evidente che in questo caso non può essere così.

Il caso

Sul caso di Nave Diciotti ho espresso più volte su Facebook in passato il mio pensiero. Un ministro deve poter esercitare prima di tutto la propria autorità, secondo la sovranità del paese che rappresenta. Di conseguenza è assolutamente nelle sue prerogative, a mio avviso, permettere o no, lo sbarco di tot persone a bordo di una nave della nostra Guardia Costiera. Tutto questo, a maggior ragione se il paese deve affrontare una ondata migratoria alimentata e organizzata dalla criminalità africana. Criminalità che non si fa scrupoli di nessun genere e che offre un “passaggio” anche a gente malintenzionata.

Dunque la mia speranza è che il Senato neghi con convinzione l’autorizzazione a procedere. Questo paese non si può permettere altri 25 anni di guerra tra un potere dello stato e gli altri e le forze politiche che li dentengono. E più ancora non può permettersi una legittimità e un operatività delle istituzioni costantemente sub-iudice da parte di una sola parte, neanche la totalità, della magistratura. Sarebbe ora, tanto per dirla tutta, di stabilire dei meccanismi per validare l’effettiva efficacia di molte azioni penali da parte dei PM. Non si deve negare l’autonomia della magistratura, ma come tutti i settori della Pubblica Amministrazione è giusto che sia anch’essa sottoposta a verifiche di merito.

Il dopo Europee

Mentre i partiti iniziano pian piano a scaldare i motori in vista delle elezioni dell’anno prossimo, il sottoscritto si chiede: davvero chi tiene molto al concetto di libertà economica e alle libertà personali, all’interno del contesto di uno stato sovrano come il nostro, non avrà rappresentanza?

Nuovi slogan ma vecchi schemi

Il quadro della situazione è chiaro e lo conoscete tutti. Si potrebbe riassumere in Sovranisti ed Eurolirici, con i 5 stelle che, al governo con la Lega, tendono di più verso posizioni Euro-critiche. Ma nonostante il Contratto di Governo non sono ascrivibili all’albo dei sovranisti veri e propri. Basta vedere le posizioni di Fico e Di Battista sull’argomento immigrazione ad esempio, dunque fanno categoria a se. In tutto questo manca qualcosa e sapete bene tutti cos’è visto che ve lo ripeto ad ogni occasione utile: un vero partito liberale di massa, come in Italia non si è mai visto. Si potrebbe forse considerare la prima Forza Italia, quella del ’94, ma personalmente non posso ricordare quei tempi. Ero troppo piccolo e non ricordo molto di quell’epoca.

Rimane quindi l’esigenza di costruire un soggetto di quel genere, fermo restando che per fare qualcosa di solido e duraturo ci vuole tempo e pazienza. Ma oggi non si può più solo parlare di liberismo, liberalismo, libertarismo contrapponendolo semplicemente a tutto il resto. Personalmente credo che le differenze tra Sovranisti ed Eurolirici siano profonde e segneranno la politica per molto tempo a venire. Ma sono anche convinto che non siano che un uno “strato” che si sovrappone al vecchio ma consolidato schema Destra-Sinistra, in cui le collocazioni hanno parzialmente reinventato e rinfrescato linguaggio e idee, adeguandole ai tempi che corrono. Esistono ancora quindi le differenze di base che esistevano una volta, sono soltanto cambiati i protagonisti e alcune parole chiave. Continua a leggere

Midterm 2018: un voto che rafforza Trump

Il Presidente Donald Trump.

Trump vince di fatto le elezioni di Midterm, portandosi a casa un risultato importante. Contrariamente a quanto si aspettavano (e speravano) tutti i media liberal, la famosa “blue wave” non c’è stata. L’onda di eletti Dem che avrebbe dovuto neutralizzare la seconda parte della Presidenza Trump è stata a malapena un increspatura. C’è stato invece al Senato il risultato opposto, accaduto solo 5 volte dalla nascita della Costituzione a stelle e strisce. I Repubblicani hanno infatti guadagnato ben 5 Senatori e tutti di area vicina al Presidente. Importanti vittorie anche in Florida e Georgia, dove i candidati vicini a Trump hanno prevalso sconfiggendo i dirimpettai Dem.

Economia

Come sapete, all’inizio avevo una pessima opinione dell’attuale Presidente ma un giudizio oggettivo deve basarsi sui fatti. Devo riconoscere di essere stato personalmente stupito dal Tychoon, in diversi aspetti. E’ riuscito, anche grazie alla pressione del Partito Repubblicano, in particolare dell’ala che gli è ancora avversa, a sintetizzare bene le sue posizioni con le idee di fondo del GOP.

Ne è emersa una politica sia liberista da un lato, sia “protezionistica” dall’altro. Ma non si tratta di un protezionismo fine a se stesso, bensì volto al fine di rinnovare e rivedere trattati internazionali sfavorevoli: il risultato di tutto questo è stato un impatto più che positivo su un economia che da anni non cresceva così tanto. Il grosso degli effetti dell’azione del Presidente si inizieranno a vedere nei prossimi anni, probabilmente dal 2020 in poi. Già adesso sono comunque evidenti i primi effetti positivi, specie in termini di fiducia da parte dei consumatori e crescita complessiva che l’economia USA registrerà quest’anno.

Mondo

A questo vanno aggiunti i risultati in politica estera. Già la distensione con la Nord Corea varrebbe da sola un punto magistrale per un Presidente che cercherà tra non molto la rielezione. Aggiungiamoci anche la promessa mantenuta sulla revoca dell’accordo con l’Iran e il riallaccio dei rapporti con l’Arabia Saudita e soprattutto Israele che adesso sa di avere un alleato sicuro e affidabile dall’altra parte dell’oceano. Toste le partite con Russia e Cina, specialmente in Siria e Mar Cinese Meridionale, sfide che andranno avanti a lungo. Ma i metodi utilizzati proprio con la Corea del Nord lasciano intendere che Trump alzi la posta per costringere il proprio avversario a mostrare le carte e trovare un accordo.

Immigrazione

Solidità assoluta sull’immigrazione, argomento spinoso ma che sta riuscendo a maneggiare con destrezza. La vicenza della carovana di migranti dall’Honduras ha giocato a suo favore, dato che è diventata l’occasione per rinnovare uno dei suoi più noti cavalli di battaglia: il muro al confine con il Messico. Per intendersi, a me i muri non piacciono: si tratta di una difesa statica che può essere elusa o aggirata e non risolve il problema a monte. Vero è anche che per la maggior parte della popolazione rappresenta almeno un baluardo sicuro contro un fenomeno che l’America deve affrontare ormai da diversi decenni. Di conseguenza la strategia può pagare in termini elettorali e così infatti è stato. Gira voce tra l’altro che la carovana sia stata organizzata e incoraggiata da ONG vicine a Soros. Manna dal cielo per un Trump a caccia di voti in vista delle elezioni.

Strada in discesa

Tutto questo rappresenta per il Presidente un risultato notevole. Aveva contro tutti, esattamente come 2 anni fa, ma proprio per questo suona ancor più incredibile un risultato che lo vede addirittura avanzare al Senato. Alla Camera invece si registra si un arretramento dei Repubblicani ma piuttosto limitato e di facile gestione, specie se sarà confermata come Speaker Nancy Pelosi. Considerando che di solito il Presidente in carica “perde” le elezioni di metà mandato, si può concludere che questo giro elettorale sia stato una vittoria politica chiara. E se si fa il confronto con molti dei Presidenti del passato recente si ottiene un’altra conferma, vedere alle voci Clinton, Obama e Bush.

Adesso inizia la corsa per il 2020 ma Trump potrà andare per la sua strada a testa alta e sarà difficile per i Dem opporre avversari all’altezza. In questo momento infatti, va molto in voga da quelle parti l’idea folle e superata del “Socialismo” perfettamente incarnata da Sanders e dalla isterica Ocasio-Cortez. Un idea che noi Europei conosciamo bene, specie negli aspetti più negativi. Il GOP potrà dunque, tra due anni, facilmente erodere al centro l’elettorato Democratico e ottenere una nuova e probabilmente ancor più larga vittoria. Naturalmente a patto di continuare su questa strada.